Grano saraceno: proprietà e utilizzi del “non” cereale

Grano saraceno: proprietà e utilizzi del “non” cereale

Come molti forse credono, il grano saraceno NON è un cereale: esso è una pianta erbacea annuale appartenente alla famiglia delle Poligonacee e non a quella delle Graminacee come molte persone credono.

La pianta è originaria della Cina, in cui era utilizzata per la produzione del pane. Venne poi introdotto nell’Europa dell’est dove tutt’oggi viene utilizzato per preparare il porridge o accompagnare secondi piatti al posto del riso.

Viene consumato anche nelle minestre, soprattutto di verdure, e in forma di farina per la preparazione di crespelle, crepes e pasta alimentare.

La Coltivazione

Il grano saraceno viene coltivato tra la primavera e l’autunno e il suo ciclo biologico è particolarmente veloce: se è seminato a luglio, matura già in ottobre. Quando la sua colorazione è marrone scuro, significa che i chicchi sono pronti alla mietitura.

Le proprietà

Questo “non” cereale è in realtà una buona fonte di fibre e di minerali, soprattutto calcio, fosforo, zinco, manganese e magnesio.

Inoltre nel grano saraceno sono presenti alcune vitamine del gruppo B e precisamente la vitamina B1, B2,B3, B5 e B6, oltre la vitamina E.

Soprattutto è privo di glutine, perfetto per i soggetti celiaci.

Grazie al suo alto valore proteico simile a quello della carne e della soia, è consigliato in caso di deperimento fisico e, grazie ad una sostanza chiamata rutina, conserva l’elasticità dei tessuti dei vasi sanguigni.

Grazie alla buona quantità di magnesio, il grano saraceno è utile per regolare la pressione sanguigna.

Per le donne, fa anche bene alla pelle in quanto è ricco di vitamina A, vitamine del complesso B e zinco, sostanze che aiutano anche nella crescita dei capelli. I potenti antiossidanti ed i flavonoidi presenti nel grano saraceno, prevengono l’invecchiamento della pelle.

Migliora anche l’umore perché contiene triptofano.

Come cuocere il Grano Saraceno

Prima di essere cucinato, necessita di essere lavato, anche più volte sotto l’acqua fredda.

Dopo aver scolato i chicchi di grano, devono essere tostati per un paio di minuti, successivamente possono essere cotti in acqua calda salata per non meno di 20 minuti.

100 grammi di grano saraceno corrispondono a 350 calorie.

La nostra Azienda Agricola “Le Barbarighe” coltiva il grano saraceno da agricoltura biologica:

grano saraceno

Entra nel nostro sito per scoprire di più su tutti i nostri prodotti biologici e sulla nostra azienda agricola:

By |2017-02-07T16:24:49+00:007 Febbraio 2017|Notizie|0 Commenti

Scrivi un commento