Tutti i benefici della farina macinata a pietra

Tutti i benefici della farina macinata a pietra

La farina macinata a pietra è la più antica e ancora insuperata tra le tecniche di macinazione e produzione di farine di qualità.

I vantaggi di questo tipo di macinazione derivano soprattutto dalla bassa velocità della ruota mobile del mulino a pietra, che mantiene bassa la temperatura nella fase di molitura, per non rischiare di surriscaldarsi, permettendo così di mantenere integre le caratteristiche organolettiche.

Per capire meglio, vediamo com’è composto un chicco di grano, detto cariosside:

chicco di grano

  • Cuticola esterna: è composta da vari strati, (rappresentati nella foto) utili per proteggere il chicco, nonché il 14% della composizione. Esso contiene fibra, vitamine del gruppo B, minerali e composti fenolici.
  • Endosperma: è la parte centrale del chicco, il quale fornisce il nutrimento al germe e costituisce l’83% del chicco. Composto da amidi (carboidrati complessi), proteine e vitamina B.
  • Germe: interno, il quale germogliando darà origine ad una nuova pianta, esso è ricco di grassi polinsaturi, vitamine B ed E, minerali, composti fenolici e antiossidanti. Rappresenta il 3% del chicco.

Ecco le varie farine risultanti dalle varie fasi di macinazione del grano tenero:

  • Farina integrale: realizzata con tutto il chicco, è la farina macinata a pietra con più qualità organolettiche.
  • Farina semintegrale di tipo 2: realizzata con la maggior parte di crusca, è abbastanza ricca di proteine e fibre.
  • Farina semintegrale di tipo 1: meno crusca e quindi meno proteine rispetto alla precedente.
  • Farina di tipo 0: Ricca di amidi e poche proteine.
  • Farina di tipo 00: la più bianca e la più leggera, viene chiamata anche “fior di farina”. Senza crusca e costituita prevalentemente da amidi è la più povera dal punto di vista nutrizionale essendo scarsa di proteine, sali minerali, vitamine e fibra.

Con la farina macinata a pietra si possono realizzare molte delizie per il palato. In questo articolo puoi trovare quali farine sono più adatte per ogni alimento che più o meno quotidianamente consumiamo.

BISCOTTI INTEGRALI CON FARINA MACINATA A PIETRA

Ingredientihttps://viaggiointornoaltedotnet.files.wordpress.com/2016/05/biscotti-vegetariani-soy-flour-cookies.jpg?w=736

  • g. 700 Farina integrale macinata a pietra
  • g. 325 Zucchero
  • g. 500 Burro
  • g. 3 Sale
  • n. 1 (g.50) Uova
  • n. 3 (g.80) Tuorli
  • n. 1 bacca Vaniglia
  • g. 50 Miele
  • g. 15 Lievito baking

Procedimento

Miscelare l’Integrale macinato a pietra con lo zucchero il sale e il lievito. Successivamente aggiungere il burro, le uova ed il miele ecc.

Impastate il tutto fino ad ottenere una pasta omogenea.

Formare una palla e tenerla in frigorifero per 20-30 minuti.

Stendete con il matterello portando la pasta allo spessore di circa 1.5 cm poi dare la forme con gli stampini.

Mettere il tutto nelle taglie con carta da forno.

CONSIGLIO: puoi renderli speciali aggiungendo delle scorze di limone o d’arancia, oppure un pizzico di cannella e perchè no, anche del cacao!

Puoi trovare la farina macinata a pietra presso la nostra azienda agricola Le Barbarighe.

Le nostre colture cerealicole biologiche attualmente coltivate e destinate alla trasformazione sono: grano tenero, grano duro, farro, orzo, segale, avena, grano saraceno, mais Cinquantino, mais Biancoperla.

Scopri tutti i nostri prodotti direttamente online:

Save

By |2017-01-23T15:25:47+00:0023 Gennaio 2017|Notizie, Ricette|0 Commenti

Scrivi un commento