I CEREALI INTEGRALI PER LA SALUTE DEI TUOI RENI

I CEREALI INTEGRALI PER LA SALUTE DEI TUOI RENI

I cereali integrali fanno bene alla salute, grazie alla loro elevata quantità di crusca e il germe, parti del grano, infatti, forniscono fibre, proteine e molti nutrienti essenziali.

Differenti sono, invece, i cereali raffinati che, spesso, perdono gran parte delle proprietà nutritive, dopo i processi di macinazione e di raffinazione, divenendo meno ricchi di vitamine e minerali.

I cereali biologici prodotti da Azienda Agricola “Le Barbarighe”, dopo essere stati trasformati in farina, attraverso la macinazione a pietra e dopo la fase di burattamento, vengono confezionati.

Le colture cerealicole biologiche attualmente coltivate e destinate alla trasformazione sono: grano tenero, grano duro, farro, orzo, segale, avena,grano saraceno, mais Cinquantino, mais Biancoperla. In rotazione ai cereali, obbligatoria  in agricoltura biologica, si coltivano, soia, pisello proteico, loietto ed erba medica.

Vediamo insieme quali sono le caratteristiche e i benefici che i cosiddetti “grani interi” apportano all’organismo, permettendovi così di scegliere con maggior consapevolezza il tipo di cereale più gustoso per voi!

  1. Frumento: il frumento è il Re dei cereali. Ricco di beta-carotene, vitamine E, B6 e B3. Può essere “duro”, tipicamente utilizzato per produrre la pasta; “tenero”, trasformato in farina, ideale per prodotti da forno.
  2. Mais: il mais è l’ideale per chi soffre di anemia ed è buonissimo da mangiare soprattutto per condire le insalate. Leggero e privo di glutine, la scelta giusta anche per i celiaci.
  3. Farro: servito caldo o freddo è sempre un cibo che stuzzica l’appetito. La ricchezza di magnesio lo rende un alimento adatto a chi fa sport.
  4. Orzo: da bambini, soprattutto, si è soliti consumarlo a colazione, poiché molto digeribile e ricco di calcio, ferro e dell’aminoacido lisina, indispensabile per la crescita.
  5. Avena: ricchissima di principi nutritivi, in primis proteine e potassio che la rendono un ottimo energetico.
  6. Segale: ricco di fibre e in grado di dare un senso di sazietà, ideale per chi sta seguendo una dieta o vuole dimagrire.

Cereali: il loro ruolo nelle malattie renali

                                                                   Immagine correlata                        

Lo sapevi che i cereali sono “amici dei reni”? Le patologie renali sono molto complesse e, spesso, viene raccomandato di limitare l’apporto proteico per evitare di sovraccaricare il lavoro dei reni. Il fabbisogno nutrizionale andrebbe, quindi, calcolato con attenzione. Eccedere quotidianamente con le proteine potrebbe peggiorare il danno renale.

Infatti, una carenza proteica risulterebbe, a lungo andare, deleteria e, quindi, è necessaria una dieta bilanciata e adeguata alle condizioni del paziente.

Un nutrizionista esperto di problemi renali può essere la soluzione per conoscere il giusto apporto proteico da introdurre giornalmente, bilanciando le proteine di origine animale con quelle di origine vegetale. In soccorso arrivano, quindi, i cereali integrali, ricchi di proteine, ma leggeri e in grado di non appesantire il carico di lavoro dei reni.

Arricchite la vostra dieta con i cereali integrali di Azienda Agricola Le Barbarighe, i vostri reni potranno trarne giovamento assieme a tutto il resto dell’organismo.

By |2017-11-27T17:49:28+00:0027 Novembre 2017|Notizie|0 Commenti

Scrivi un commento