PERCHE’ I CEREALI FANNO BENE A COLAZIONE?

PERCHE’ I CEREALI FANNO BENE A COLAZIONE?

 I cereali biologici prodotti da Azienda Agricola “Le Barbarighe”, dopo essere stati trasformati in farina, attraverso la macinazione a pietra e dopo la fase di burattamento, vengono confezionati.
Le colture cerealicole biologiche attualmente coltivate e destinate alla trasformazione sono: grano tenero, grano duro, farro, orzo, segale, avena,grano saraceno, mais Cinquantino, mais Biancoperla. In rotazione ai cereali, obbligatoria  in agricoltura biologica, si coltivano, soia, pisello proteico, loietto ed erba medica.

I cereali integrali e biologici sono importanti in qualsiasi dieta e spesso si nominano, anche se non appartengono alla famiglia di cereali la quinoa, il grano saraceno e l’amaranto, ma vengono comunque considerati tra questi perché il loro utilizzo in cucina è analogo a quello dei cereali stessi.

E’ importante informarsi bene prima di acquistare i cereali della prima colazione, a partire dalla lettura delle etichette. Il problema, infatti, è che spesso tra additivi, edulcoloranti, zuccheri, dolcificanti, addensanti e sciroppi vari, i cereali del mattino diventano tutt’altro che una proposta salutare.

Cereali, ideali per la colazione

PERCHE' I CEREALI FANNO BENE A COLAZIONE?

Iniziamo col ricordare che la prima colazione dovrebbe costituire il pasto principale della giornata, quindi è importante non saltarla. Spesso nei protocolli dietetici si consiglia di portare a tavola una porzione di cereali (30-40 grammi) abbinati a latte o yogurt, insieme a un frutto di stagione (al naturale o sotto forma di spremuta, centrifugato o estratto). Per quanto riguarda la scelta dei cereali, orientati su un prodotto derivato da cereali integrali e assicurati che non ci sia aggiunta di zuccheri e sale.

Non c’è bisogno di comprare i cereali che si autoproclamano rinforzati con minerali e vitamine: considera che questi micronutrienti preziosi si possono ottenere aggiungendo alla tazza di cereali una porzione di frutta fresca, frutta in guscio (noci, mandorle, nocciole, etc) oppure una manciata di semi oleosi (semi di zucca, girasole, sesamo, canapa, etc).

Cereali, fonte di energia

PERCHE' I CEREALI FANNO BENE A COLAZIONE?

Esistono tante tipologie di fiocchi per colazione: basta fare un giro al supermercato per entrare nel panico. Quali sono i migliori da mettere subito nel carrello? I fiocchi di mais – da sempre i più amati da grandi e piccini – apportano carboidrati complessi, quindi energia.

Oltre ai glucidi, i classici cornflakes contengono una discreta quantità di fibra alimentare, mentre proteine e grassi sono poco rappresentati. L’apporto energetico complessivo dei fiocchi di mais è piuttosto alto, per cui è meglio non esagerare con le quantità.

I fiocchi di amaranto o quinoa, ma anche quelli di farro, soia o grano saraceno, vantano un apporto di proteine maggiore rispetto a quelli derivati dal mais. Per questa ragione sono molto indicati per chi deve mantenere la massa muscolare, dunque per persone che fanno molto sport (e per chi deve tenere sotto controllo la glicemia).

Avena, il cereale perfetto per chi ha l’intestino pigro

PERCHE' I CEREALI FANNO BENE A COLAZIONE?

Oltre a tenere sotto controllo il colesterolo, l’avena è ricca di betaglucani, una tipologia di fibre che arriva inalterata nell’ambiente intestinale, saziando a lungo. Inoltre la crusca d’avena, costituita essenzialmente da fibre insolubili, aiuta chi soffre di intestino pigro. Per un perfetto equilibrio intestinale puoi aggiungere alla tua tazza di crusca d’avena anche fibre solubili come psillio e inulina, che hanno funzione di prebiotici e nutrono la microflora intestinale.

Cereali con il latte?

PERCHE' I CEREALI FANNO BENE A COLAZIONE?

La scelta di latte o yogurt di origine animale è ottimale, poiché apporta proteine nobili, minerali come calcio e fosforo, più vitamina D. Sei intollerante al lattosio? In questo caso puoi orientarti su bevande di riso, cocco, mandorla, soia, quinoa, miglio, avena e farro, tenendo presente che questi prodotti sono mediamente meno proteici del latte vaccino, ad esclusione di quello di soia (che se la batte con il latte di mucca). Il latte vegetale, inoltre, tende a essere più zuccherino, dunque bisogna prestare attenzione alle quantità. Il consiglio di Azienda Agricola Le Barbarighe è di abbinare alla tazza di latte e cereali un estratto vegetale. “In questa stagione, ad esempio, si possono mixare carote, arance, limone e zenzero. A tutto sprint.

Entra nel nostro sito per scoprire di più su tutti i nostri prodotti biologici e sulla nostra azienda agricola:

By |2018-03-15T17:36:34+00:0015 Marzo 2018|Ricette|0 Commenti

Scrivi un commento